NON SOLO AMBIENTE

MA ANCHE STORIA… RELIGIONE..TRADIZIONI

Non solo natura e ambiente incontaminato ma anche territorio ricco di tradizioni, storia, testimonianze archeologiche del passato dell’area del fucino: il santuario della Madonna di Pietraquaria, (nel Medio Evo la località di Pietra Aquaria era un centro popolato appartenente alla Contea di Albe, in cui sorgeva una chiesa dedicata a Santa Maria, una a San Giovanni ed una a San Pietro. Nella chiesa dedicata a Maria c’era un quadro della Madonna, venerata non solo dagli abitanti del luogo, ma anche da quelli dei paesi vicini. Le vicende storiche della Battaglia di Tagliacozzo nei Piani Palentini tra Corradino di Svevia e Carlo d’Angiò, portarono alla distruzione del centro di Pietra Aquaria e costrinsero gli abitanti a riunirsi a quelli di Avezzano in Piazza Pantano. L’immagine della Vergine rimase tra le mura diroccate della chiesa.

lago_del_fucino_s

La ricostruzione della chiesa avvenne per opera degli avezzanesi alcuni secoli dopo, in seguito a vicende tramandate in alcune leggende. Si narra di un pastorello sordomuto di Avezzano a cui un giorno, mentre pascolava il suo gregge sul monte Salviano contemplando le acque del magnifico lago del Fucino, apparve una bella Signora vestita di bianco. Ella si rivolse a lui con dolci parole, che miracolosamente il sordomuto riuscì ad ascoltare, dando conforto alla sua umana miseria. Il pastorello scese di corsa dal monte Salviano e raggiunta Avezzano si recò dal Parroco, al quale riuscì a riferire con la sua bocca quanto le aveva raccomandato la bella Signora, e cioè di non indugiare ancora nella ricostruzione della chiesa e di riporre degnamente la sacra immagine sull’altare),  il monumento di Pietro Cascella, gli affascinanti cunicoli di Claudio ( dal quale defluirono le acque del lago Fucino, per grandezza il terzo d’Italia), l’antica Via dei Marsi con il suo tracciato che si allunga, fra panorami mozzafiato, fino alle porte del Parco Nazionale d’Abruzzo, Lazio e Molise. La Riserva del Salviano è tutto questo e anche di più: un polmone verde a due passi dal centro, un’oasi per ritemprarsi dopo una giornata o una settimana di intenso lavoro e studio.